Poteva essere Davide invece è stato Golia

Entro al PalaPanini quando è ancora vuoto, mi preparo per vedere una bella partita di Superlega quando all’improvviso fa il suo ingresso in campo l’Azimut Modena, ma soprattutto Max Holt, che con i suoi leggings bianchi mi fa sorgere il dubbio di non essere nel tempio del volley, ma al teatro Bol’šoj di Mosca. Mi guardo in giro in cerca di conferme o di smentite, fortunatamente scorgo Giani e Stoytchev parlare vicino alla panchina che ristabiliscono l’ordine delle cose.

Inizia la partita.

Modena schiera Bruno-Sabbi, Ngapeth-Van Garderen, Holt-Mazzone e Rossini. Milano risponde con Daldello-Nimir, Cebulj-Schott, Piano-Averill e Piccinelli. Fin dalle prime battute si capisce che il prescelto dei modenesi come bersaglio in ricezione sarà Schott, vita natural durante; effettivamente il tedesco patisce in questo fondamentale tanto da costringere Giani a sostituirlo verso la fine del set con Klinkenberg (che poi resterà in campo tutta la partita). L’altro notevole evento di giornata si sostanzia nell’inaugurazione della caccia alla volpe, con Sabbi nel ruolo della povera preda cecchinata da un servizio di Cebulj destinato a uscire. Il set si chiude 25-19 per i gialloblù, mai in particolare difficoltà, nonostante i timidi cenni di reazione da parte di Milano dalla seconda metà del parziale, soprattutto al servizio con il solito bombardiere Nimir a fare pentole e coperchi.

Il secondo set inizia con Klinkenberg che eredita suo malgrado il bersaglio di Schott sulla battuta di Modena, con però una sostanziale differenza di tenuta – in positivo – da parte del belga. Non ha la stessa sorte la ricezione di Modena, che invece crolla sotto i bombardamenti dai nove metri della Revivre e a farne le spese è Totò Rossini, che lascia il match per Tosi. Nonostante una bomba tirata sui quattro metri in parallela per mano di Ngapeth da posto 2 che fa tremare il palazzetto, i ragazzi di Stoytchev non riescono a ribaltare il set, che si chiude 25-21 a favore di Milano.

Il terzo parziale inizia con entrambe le parti di campo pervase da un caos primordiale, tanto che pare udire un unico coro dagli spalti: “Che confusione, sarà perché ti amo”, cantavano i Ricchi e Poveri. Al fine di nobilitare la tenzone, Bruno decide di voler alzare tutto in palleggio, anche le palle che viaggiano a trenta centimetri da terra: entra in scivolata e via, precisa in banda. Daldello invece viaggia sul filo del fallo di doppia da inizio partita e infatti iniziano ad arrivare le sanzioni da parte di Saltalippi. Nelle fila della Revivre dal primo set fa capolino in campo il rientrante Fanuli, così Sabbi, non essendo a conoscenza del recupero del libero milanese e essendo lui uno preciso, tenta di decapitare per compensazione il secondo Piccinelli, in modo tale da ristabilire l’equilibrio della conta infortunati in casa meneghina. Tra un delirio e l’altro il terzo set finisce nelle mani dei padroni di casa per 25-21. Da segnalare il doppio ace subito per mano di Nimir da Van Garderen che, dopo aver provato sul primo un improbabile bagher ad altezza caviglie, decide di fare un mezzo passo indietro sulla successiva battuta. Consigliamo di dotarlo di auricolare come Ambra ai tempi di Non è la Rai, e magari a fine partita piazzarlo su uno sgabello a riproporre il celeberrimo “Cosa ho nello zainetto?” sfidando gli abbonati del Palapanini.

Il quarto parziale è quello più lottato, con gli ospiti che se lo aggiudicano ai vantaggi 28-26. Molti gli errori in battuta da entrambe le parti e memorabili momenti di posizionamento bizzarro in campo, tanto che a un certo punto Bruno si ritrova ad attaccare in posto 4. Il set va in archivio con un errore di Sabbi in attacco, ma a sua discolpa c’è da dire che la sbagherata in secondo tocco di Tosi, più che per lui, era destinata a uno spettatore dei centralissimi, precisamente posto 52.

Inizio ad avere fame, tanta, ma la curiosità di vedere come finirà il match vince su tutto. L’inizio del tie-break non è dei migliori, sembra quasi che le due squadre si siano accordate su “la perde chi per primo tira una battuta in campo”. Nel momento in cui si comincia a fare sul serio, all’improvviso, nel tentativo di recuperare una palla piomba un Sabbi sul mio tavolo di tribuna stampa e, vuoi per la fame, vuoi per avergli visto il lato b mentre si sistemava la maglia nei pantaloncini un paio di set prima, nella mia testa c’è solo l’immagine di lui come Samantha in Sex And The City, steso sul tavolo e ricoperto solo di sushi, e non capisco più nulla. Mi desta da questo torpore il sonoro muro di Holt, che chiude la partita a favore dei padroni di casa per 15-11.

Mvp Earvin Ngapeth, ma devo confessarvi che in realtà avevo votato il coro per Cebulj dei tifosi milanesi sulle note di Ufo Robot. Geniali.

Simona Bernardini per la Sorellanza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...