Ravenna-Vibo, wannabe Santiago

Sabato sera siamo state per la prima volta ospiti al Pala De Andrè di Ravenna, che ci ha accolte nella semicupola per la sfida contro la Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia di Lorenzo Tubertini. A tal proposito ci teniamo a ringraziare Vincenzo Benini, Marco Bonitta e tutto lo staff della Bunge per la disponibilità, la cortesia e la splendida accoglienza riservataci.

Venendo alla cronaca, apprendiamo subito che Ravenna si trova in emergenza sulla diagonale di posto 4; assenti Marechal e Tiziano Mazzone, Fabio Soli opta per Raffaelli a far compagnia a Poglajen, l’inamovibile diagonale Orduna (anche lui con un problemino a un dito della mano sinistra)-Buchegger, la coppia di centrali DiamantiniVitelli e la mosca Goi libero. Vibo risponde con la formazione tipo: diagonale CoscionePatch, martelli AntonovLecat, in mezzo CostaVerhees e Marra a presidiare la seconda linea.

I calabresi partono con maggiore sprint e tengono testa ai padroni di casa per tutto il primo set, prima di subire la rimonta della Bunge grazie a un turno di battuta di Orduna che riporta il parziale sul punto a punto. Santi che, nella sua distribuzione, si dimentica Raffaelli, forse temendone l’impatto iniziale sulla partita, mentre Coscione al centro fa 100% con Deivid Costa ma non vede Verhees. Sul finale però Vibo tiene, portandosi a casa il set 25-23.

Nel secondo i romagnoli rovesciano la tovaglia e si prendono in mano il punteggio; è su una breve parità iniziale che sale in cattedra Santiago Orduna, forse indispettito dall’eccessiva tolleranza della direzione di gara sulla qualità dei palleggi di qualche fuori ruolo, diciamo così, un tantino avventato, come quello che Antonov sfodera nel mezzo di uno degli scambi più divertenti della partita, scambio condito da un salvataggio di piede di Santi e terminato ignobilmente con una disattenzione della retroguardia ravennate, che lascia cadere un innocuo pallone a metà campo.

Il regista italo argentino, in ogni caso, comincia a crear scompiglio e deliziar la platea a suon di variazioni e riequilibrando salomonicamente la distribuzione sugli esterni, tra i quali emerge Poglajen, che mette la definitiva freccia con un doppio ace sul finale. A nulla serve la contromisura di Tubertini (fuori Lecat per Massari), con l’ex Modena che si presenta sul palco con un attacco out e uno stampo subito a muro.

In tutto questo noi veniamo distratte un attimo dalla mascotte della Bunge che, a metà parziale, sfodera uno striscione – poi riproposto nella foto di gruppo post match – che recita “La Marziania non è reato”. Qualcuno ci illumini, siamo curiose.

Il terzo set sancisce l’asse individuale padrona di questa partita: il già lodato Santiago e Cristian Gabriel Poglajen, che dà concretezza all’attacco e dai nove metri battezza nuovamente la seconda linea di una Vibo sempre più spenta. Il parziale si agita un tantino su un discusso videocheck che attesta il tocco dell’asta da parte del muro Callipo e smentisce la sicurezza dell’occhio nudo umano, che avrebbe giurato sull’impatto precedente della palla. Si scaldano gli animi e ci ghiacciamo noi, che diamo le spalle alle porte spalancate del palazzetto e mai come in questo momento sognamo le proverbiali stufette di Curitiba.

Alla festa si aggiunge un Buchegger sempre bello e concreto, ma ci sentiamo in dovere di dargli un piccolo consiglio: se proprio proprio non vuole usare il gel (il che è un gran peccato, perché il suo compagno di squadra Gutierrez potrebbe suggerirgli 101 modi di scolpire i capelli) sarebbe utile invertire l’ordine dei suoi riti più o meno scaramantici, ovvero: prima pettinarsi, poi pulirsi la suola delle scarpe. Così evita il passaggio intermedio sulla maglia.

Che Vibo sia quasi uscita dal campo lo constatiamo sull’11-9 Ravenna, quarto set. Qui, di fatto, finisce la partita. Un primo break di 4 punti sul servizio di Poglajen, poi un sanguinoso parziale di 4-14 subito dalla Tonno Callipo che porta il bottino pieno alla Bunge e un po’ di gloria a Giacomo Raffaelli che, come uno Zaytsev qualsiasi in una semifinale olimpica, benedice a turno tutti i ricevitori calabresi e mette la ciliegina sulla torta di una prestazione più che dignitosa.

Capitolo MVP: al di là dell’ovvio (il premio è andato a Poglajen, oggettivamente determinante) confermiamo che a Santiago Orduna vogliamo molto bene. Il titolo di migliore in campo ci sarebbe stato anche per lui, per le sue splendide aperture in 1-2 e per la capacità tattica di cambiare in corsa una distribuzione iniziale troppo monocorde. A pelle – e a fatti – la Bunge pare un bel gruppo, capace di sopperire alle assenze e alla partenza diesel con un’ottima gestione corale. Rimandiamo invece la Tonno Callipo a prestazioni più pugnaci sul piano dell’agonismo, che abbiamo visto affievolirsi man mano, e dell’ordine in campo non sempre impeccabile.

La Sorellanza

Photo Credit: Margherita Leone

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...