#TribunaStampa: Perugia-Verona, sfida torrenziale ai confini del 2018

C’è chi fa le abbuffate a tavola durante le feste e chi, come me, sta leggero e fa il pieno di volley.

Questa è la mia terza partita in una settimana, Verona l’ho già vista due volte quest’anno da semplice spettatrice (in casa con Perugia e a Siena), ma scendere oggi al Pala Barton è per me un atto d’amore. Amore non per queste due società anche se, visti i rapporti che ho con la gente umbra, tornare qua ogni volta è un po’ come ritrovare una seconda casa, e per la Calzedonia Verona ho sempre avuto una simpatia. Amore con la A maiuscola, invece, per Matey Kaziyski, un imperatore bulgaro che mi ha rapito il cuore da quando lo vidi per la prima volta dal vivo durante la Supercoppa a Firenze nel 2008. Sia chiaro che sto parlando solo ed esclusivamente di tecnica, tattica e atteggiamento in campo: per me KK rappresenta l’essenza del pallavolista. E’ comunque un po’ strano vederlo agli ordini di quel Nikola Grbic che per due anni è stato il suo palleggiatore a Trento.

Formazioni tipo per entrambe le squadre, con Ricci che torna a disposizione in panchina per Lorenzo Bernardi, mentre Berger costretto ancora a seguire i propri compagni dalla tribuna.

Nella prima parte del set i due palleggiatori si affidano molto ai propri centrali, procedendo praticamente punto a punto. Poi va in battuta Wilfredo Leon….due ace consecutivi e Grbic costretto al time out. Colaci difende tutto, Spirito prova a variare il suo gioco, ma i lati non riescono ad essere incisivi, quindi appena può va in sicurezza al centro. Verona costretta ad inseguire per tutto il parziale, tenuta a galla solo da Solè (100% in attacco) e Birarelli, e i pochi break fatti grazie a Kaziyski al servizio, ma oggi alla Sir dai nove metri gira tutto e, con il turno di Atanasijevic prima e di Leon poi, chiude il primo 25-16 (se a un certo punto avete sentito un crack, era il mio cuore che si spezzava su due muri tetto consecutivi su Matey).

WhatsApp Image 2018-12-31 at 14.48.21
E’ ancora in forma, il ragazzo

Nel secondo set è un’altra Calzedonia, più organizzata a muro e con gli esterni che finalmente trovano la soluzione giocando sulle mani dei giocatori perugini. Adesso c’è una partita, il servizio alla Sir non basta più, Verona riesce a organizzare il muro-difesa toccando praticamente tutti gli attacchi degli avversari, il gioco al centro latita e gli uomini di Grbic prendono un +2 che riescono a mantenere fino al 19-17. Poi succede qualcosa: Bata va al servizio e, dopo uno scambio lunghissimo, Leon la mette giù. Il palazzetto diventa una bolgia infernale, seguono tre scambi al cardiopalma che riportano il set in parità a 21, con il serbo che incita il suo pubblico lanciando i cori. Poi però, complice una Sir distratta, Verona torna a difendere e a trasformare i contrattacchi, chiudendo così 25-21.

Nel terzo parziale si viaggia lisci senza che nessuna delle due squadre prenda il sopravvento, gli unici break arrivano con le jump float di Birarelli e Galassi che mettono in seria difficoltà i ricettori perugini. Sul 24-23 per i padroni di casa scoppia una caciara degna dei peggiori bar di Caracas: il primo arbitro assegna il punto alla Sir, tutta Verona si infuria perché non viene concesso il video check, il secondo arbitro a colloquio con il primo che inverte la decisione iniziale e allora richiesta di check di Lollo (con vena chiusa) che conferma la palla fuori di Bata. Risultato? Perugia si rilassa, Verona si carica e porta a casa il set 27-25.

Nel quarto Perugia parte male e va subito sotto, ma Atanasijevic e Podrascanin prendono tutti per mano riportando la questione in parità. Nessuna delle due squadre è intenzionata a mollare: Verona la vuole chiudere per portarsi tre punti a casa, Perugia chiaramente non ci sta. Si va ai vantaggi, un ace di Potke e un muro perentorio di Galassi chiudono il parziale 27-25. E tie-break sia.

È un inizio di quinto set carico a pallettoni, nessuno molla, ci si butta su tutti i palloni e gli scambi si allungano. La Sir va subito sul +5, sospinta dal suo pubblico che non smette mai di cantare; l’atmosfera è bellissima e allo stesso tempo un inferno per gli uomini di Grbic, che si trovano schiacciati sia sul piano del gioco che su quello psicologico. Finisce 15-9 con un errore al servizio di Boyer. Mvp del match Marko Podrascanin. Nonostante sia stata una vittoria di squadra, sicuramente Potke è stato, insieme al compagno serbo, quello che più di tutti ha spinto per conquistare due punti preziosi.

Piccole note a margine.

  1. Qualcuno stiri i pantaloncini della Calzedonia;
  2. Leon non è un drago a muro, spesso scomposto e a volte fuori tempo e posizione, ma quando trova il timing giusto l’attaccante si trova davanti un tetto che ti fa ombra (citofonate a Boyer);
  3. Dalla regia mi informano di un vivace Nikola Grbic a fine partita (allego prove). Tranquillizziamo tutti garantendo la presenza nel nostro magazzino di una discreta scorta di goccine. Ha già pagato tutto Break Point.

Simona Bernardini

La Sorellanza augura a tutti un 2019 prospero e frizzantino. 
We’ll ride the wave, when it takes us (semicit.)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...