Archivi categoria: Superlega

Perugia-Trento, l’infinita Bellezza

Credo che adesso io lo possa dire: in tempi non sospetti, ovvero alla chiusura del mercato a luglio, dissi che secondo me le due squadre che si sarebbero giocate lo scettro di Campioni d’Italia erano Perugia e Trento. Poi una gestione “scellerata” della regular season da parte di entrambe, la prima perché è stata un rullo compressore e la seconda perché ha viaggiato a carburazione magra, ha fatto sì che si incontrassero in semifinale. La vigilia di questa gara 3 è stata caratterizzata da un’ombra sul sestetto titolare della Sir perché, nonostante le rassicurazioni da parte di De Cecco stesso e della società sulle condizioni fisiche del giocatore, coinvolto in un incidente stradale lo scorso giovedì, un po’ di dubbi sul suo utilizzo e sulla sua tenuta c’erano. Di fatto l’unica esclusione eccellente è stata quella di Vettori in favore del giovane Teppan, scelta che poi si è rivelata azzeccata (ma va sottolineato che l’opposto emiliano soffriva di problemi alla schiena da poco prima del match di Champions di mercoledì a Civitanova).

Si parte in un clima infuocato, ma si sa ormai che il PalaEvangelisti è e sarà sempre così per tutti; in più, se durante gara 3 di quarti contro Ravenna si è scomodata la TV austriaca per seguire Berger, oggi abbiamo il team Redbull per un docufilm su Zaytsev (non me ne vogliate, ma gli ho fatto i complimenti sinceri per la genialata del trasferello). Inizia la partita e potrei fare una cronaca dei momenti chiave, snocciolare numeri e statistiche e scrivere il nome del mvp, ma non ci sono parole o numeri che possano descrivere la bellezza della partita, va vista e basta perché è stata uno spot bellissimo per questo sport, che paragono per emozioni e qualità soltanto a gara3 delle semifinali playoff del campionato 2014/2015, sempre fra loro due, sempre al quinto, quella del “debutto” nell’alta società dei playoff di Giannelli (e che debutto!).

Soprattutto, mi perdonerete se non mi vedrete mai fare fredda cronaca, questo perché fortunatamente mi faccio prendere dalla bellezza dei gesti tecnici e tattici, e preferisco godermi la sfida che perdermi ad appuntarmi numeri. Non c’è stato un singolo giocatore che abbia fatto storcere il naso perché magari non ha reso quanto ci si aspettasse, in alcuni momenti della partita si potrebbe accusare i centrali di Trento di essere stati un po’ ingenui con il muro a opzione sui primi tempi per venire puntualmente infilati dalla pipe, ma con uno come De Cecco non puoi fare muro a lettura: De Cecco non si legge, punto.

I numeri finali condannano Trento in ricezione, ma sono anche sinonimo di grandi cojones per essere riusciti a portare lo stesso la partita al quinto (a proposito di cojones: se ve ne avanzano un paio Anzani gradirebbe visto che, immolandosi in difesa, li ha lasciati sul mondoflex). Parlando dei singoli, Giannelli lucido e preciso con pochissime sbavature, Russell tornato a pieno regime in attacco e con un’ottima tenuta in ricezione, Colaci che giganteggia e assoluto padrone della seconda linea perugina. I due allenatori si sono studiati e, se in gara 2 Lorenzetti aveva preso spunto da Bernardi spostando Giannelli in 4, in questo match Lollo Bernardi si è “Angelizzato” sostituendo Atanasijevic con Berger durante la P1 per togliere sì Russell dalla ricezione, ma soprattutto per avere un attaccante puro da posto 4.

E’ una serie giocata in perenne equilibrio tra genialità e tatticismo, impagabile per qualità e pathos. Significative le parole iniziali di Lorenzetti ai microfoni di Raisport: “Siamo al limite estremo”. Non sappiamo se sia vero, di sicuro questa Trento ha tirato fuori nelle settimane clou della stagione molto di ciò che aveva latitato in Regular Season: intraprendenza tattica, competitività, convinzione. Alla luce di quanto accaduto resta – forse – più squadra da one shot che da serie lunga, il rendimento è sempre troppo ad elastico e le difficoltà di tenuta in seconda linea sono evidenti, ma nessuno come la Diatec ha il potere di restare aggrappata al proprio agonismo, tentando sempre di superare il suddetto “limite estremo”.

Ci siamo divertiti. Ci divertiremo.

È tempo di playoff!

Chiusa la Regular Season con il primo posto della Sir Safety Conad Perugia, iniziano le giostre dei playoff. Tra probabili montagne russe, case stregate, autoscontro e qualche calcinculo alla bisogna, per gara 1 dei quarti di finale scegliamo il Palapanini dove si affrontano Modena e Milano, due che hanno avuto una stagione talmente piena di infortuni da costringere le società ad affittare un ufficio del palazzetto all’INAIL per poter velocizzare le pratiche. Abbiamo scelto questa partita perché è una delle più interessanti fra i vari accoppiamenti e soprattutto per capire se e quanto i giocatori di entrambe le squadre hanno recuperato dagli acciacchi. Siamo qui per vedere se l’Azimut è entrata in clima playoff abbandonando l’atteggiamento tenuto in Superlega con le squadre di “seconda fascia”, abbracciando invece la fisiologia prepotente che l’ha contraddistinta contro le altre big in Regular Season. Siamo qui anche per vedere se la truppa guidata da Giani riuscirà a fare lo sgambetto a una delle Top4, come del resto ci ha abituato con le due nazionali – Slovenia prima, Germania poi – che ha guidato fino a oggi. Siamo qui perché il Palapanini è pur sempre il Tempio del Volley. No, non è vero. Siamo qui perché dove c’è Andrea Giani c’è La Sorellanza.

Lungi dal volervi annoiare con la fredda cronaca, preferendo concentrarci su un’analisi di più ampio respiro, iniziamo con uno spoiler: ha vinto Modena al quinto set (non credete a quello che scrivono alcuni giornali). È stata una partita lunga e strana, con alcune belle giocate a livello tecnico-tattico da entrambe le formazioni, intervallate da cose brutte (facili alzate del libero completamente sbagliate) e altre “divertenti”. A tal proposito segnaliamo Cebulj lisciare completamente un campanile alzato in 4, con la palla che lo prende in testa e va beatamente nel campo avversario e per par condicio Argenta, trovandosi nei pressi di una freeball a filo rete con Holt, schiaccia in testa all’americano, la palla carambola nel campo milanese e Modena si porta a casa uno dei punti più bizzarri della storia recente. Capitolo iinfermeria: Rado finalmente ha tutti gli uomini a disposizione (tranne Daniele Mazzone) anche se nel primo set vediamo distintamente scorrergli un brividino lungo la schiena quando Ngapeth si accascia a terra toccandosi la caviglia sinistra. Per fortuna niente di grave, pronta fasciatura e di nuovo in campo dal secondo set. Nonostante questo la sua squadra stenta a girare, tiene botta il solito Tine Urnaut che si sta dimostrando il più solido e costante del gruppo. Andrea Argenta è ancora “acerbo”, ma ha un gran carattere e il ragazzo sicuramente si farà e ci darà presto soddisfazioni in quel delicato ruolo che è l’opposto. Per i gialloblù, ai grossi problemi a muro, che nei primi due set non perviene, e a una ricezione altalenante e da rivedere, fa da contraltare una battuta con pochi errori (12 in cinque set) e tanta cassa (9 ace).

Anche in casa della Revivre Giani ha recuperato tutti gli infortunati anche se Sbertoli ancora non riesce a sviluppare il gioco a cui ci aveva abituati, tanto da venire sostituito nel secondo set. In verità l’allenatore meneghino ruota molto i suoi giocatori, contando su una rosa con valore più equilibrato rispetto ad altre squadre di Superlega. L’imperfetto timing al centro è sicuramente da sistemare, ma poco male, perché si sa che nel volley spesso sono le palle sbucciate quelle che cadono inesorabilmente a terra. Più costanti a muro rispetto all’avversario, i milanesi devono però cercare di essere più cinici nei finali di set, se vogliono realisticamente pareggiare il conto in gara 2.

Chiudiamo con un po’ di folklore: notiamo che i manicotti Yomo si stanno moltiplicando come fermenti lattici vivi, che Averill durante i time out si scalda murando mulini a vento come un Don Chisciotte qualsiasi – ma lui è Moschettiere e non lo sa – e che, soprattutto, il Palapanini si stringe in un lungo, meraviglioso abbraccio ad Andrea Giani per sostenerlo in questo momento per lui difficile. Abbraccio al quale tutte noi de La Sorellanza ci uniamo.

La Sorellanza

Photo Credits: Modena Volley

Modena Capitale, Perugia Bene o Male, anche.

Non vi voglio ammorbare con numeri e statistiche. Non ha senso per questo tipo di partita. Potrebbero collocarmi faziosamente da una parte come dall’altra, sia nel caso in cui dicessi che Perugia non vince contro Modena da ben 14 partite (contando anche l’amichevole del torneo di Gubbio, che per i Sirmaniaci, credetemi, CONTA), sia se facessi notare che tanto a questo punto dei giochi a Perugia non importa, guarda tutti dall’alto di un primo posto assicurato in Regular Season.
A discapito della mera statistica, conta tutto per chi è in campo e sugli spalti.

Modena viene da uno di quei periodi neri come la pece, in cui una sola catastrofe è l’inizio di un domino alla cui fine c’è Fabio Donadio che si toglie la giacca di Team Manager per rimettersi la divisa del libero. La Modena che il 17 dicembre 2017 aveva sconfitto Perugia tra le file del PalaEvangelisti era carica e diversa, al netto delle catastrofi e degli infortuni.
Per Perugia, invece, quant’è bella questa giovinezza di prospettive. E non è nemmeno vero che del doman non c’è certezza, perchè con due trofei stagionali nella bacheca di Gino Sirci, che non avrà vinto quanto Osmany Juantorena ma ce ne faremo tutti una ragione, forse non la certezza, ma il profumo di un triplete nell’aria si potrebbe cominciare a sentire

Eppure con Modena non riescono a spezzare la maledizione, e anche se per il momento la matematica è dalla loro parte, ci sarà un giorno in cui la matematica lascerà spazio al destino, grato o infame che dir si voglia. Ci sarà un momento in cui il lavoro sporco andrà fatto dalla parte di campo perugina, che nel particolare caso delle scorsa domenica non è riuscita ad approfittare del calo modenese nel secondo e quarto set. Portati al tie break per ballare tutti una splendida “paranza della battuta sbagliata”, e poi subire tantissimo da parte di Holt e Urnaut, MVP di grande merito. Anche i 30 punti di Atanasijević, l’opposto che vorrei se fossi ancora una palleggiatrice e l’opposto che Luciano De Cecco si merita, non sono riusciti a finalizzare il risultato. E nemmeno la spettacolarità di Max Colaci in difesa, Max che ha un viso diverso da quando gioca a Perugia, con la voglia di battere a tappeto quel campo che sprizza da ogni poro. Poco male Zaytsev e Russell, mai decisivi ma neanche indifferenti.
Dalla parte gialloblu un ottimo Bruno in distribuzione e difesa, granitici a muro i centrali Holt e Bossi, di cattiveria il giovane Argenta in posto 2 e un eccezionale Tine Urnaut, costante durante tutto il match. Ngapeth pervenuto come RDS nel Basso Polesine, a tratti.

Non sappiamo, a questo punto quando sarà il momento decisivo fra le due squadre, perchè nel gioco dei playoff o vinci o muori, sappiamo solo che quando arriveremo quel momento e se quel momento sarà una finale la soluzione per Perugia è solo una, per Modena invece 15, 16 o 17.

La Sorellanza

Photo Credits: Modena Volley

Gnammy Awards 2017

Sette premi per celebrare il meglio e il peggio del 2017.

La Sorellanza è lieta di presentare la seconda edizione dei Gnammy Awards, i riconoscimenti annuali volti a celebrare chi, nel mondo della pallavolo, si è distinto per le qualità più diverse, non necessariamente tecniche ma tutt’altro che trascurabili.

Il processo di selezione dei vincitori prevede il coinvolgimento dei fidatissimi lettori della Sorellanza e avrà il suo culmine con la consegna di una bottiglia di prezioso olio di zio Franco ai vincitori.

La redazione della Sorellanza ha nominato 3 protagonisti per ogni categoria.  Voi, fidati lettori, siete chiamati ad esprimere la vostra preferenza attraverso i sondaggi che troverete in questo articolo. Potete esprimere la vostra preferenza da martedì 12 a lunedì 25 dicembre. I vincitori saranno svelati martedì 26, in occasione dell’ultimo turno del girone di andata di Superlega.

Per la consegna del prezioso olio abbiamo chiesto un preventivo al Dolby Theater di Hollywood, qualora non dovessimo trovare l’accordo ci occuperemo di recapitare personalmente il premio con il metodo porta a porta. Saremo sempre più gradite di un promoter Kirby.

Grandma’s persecution

I pranzi dalla nonna. Quelli belli, quelli che se non ti sei magnato sette piatti di lasagne non vale, perché poi parte l’interrogatorio in stile Guantanamo e il sospetto grandmaterno sul patimento della fame infrasettimanale si ingigantisce. Se la domenica non c’è la nonna a metterti sotto torchio, siamo noi a preoccuparci per questi tre centralini rocciosi come un Mikado immerso nel té.

Photo Credit: Daily Volley, Modena Volley, Pallavolo Padova

“A volte ritornano”

Come nel libro di racconti di Stephen King, ecco tre ritorni eccellenti nel nostro campionato. Involontari protagonisti di innumerevoli fan fiction e di altrettanti svariati melodrammi che ci hanno accompagnato nell’ultimo decennio. A voi decidere se esserne spaventati o felici.

Photo Credit: Margherita Leone, Fantavolley, Pallavolo Padova

Viaggi del Ventaglio

Tempo d’estate (non ora), tempo di vacanze, resort principeschi, aperitivi a bordo piscina, beach volley di contorno e abbronzatura Carlo Conti. Le stelle della movida 2017, quelle che hanno dominato la bella stagione, sono i tre martelli rimasti a riposo – più o meno volontariamente – dall’impegno azzurro. (Ndr: la redazione declina ogni responsabilità in merito agli sponsor immortalati nell’immagine)

Photo Credit: Osmanijp5, Alessiaknight, Beach Volley Marathon

Zoolander

Belli, belli in modo assurdo”. Come poter altrimenti definire gli adoni protagonisti della categoria più avanguardista degli Gnammy 2017? Capello scolpito da barbieri in trip allucinogeno, scriminatura A14 a tre corsie, taniche e taniche di gel, tatuaggio prorompente, fughe dal palazzetto con il proprio cartonato sotto braccio. Eccoli, gli stilosi, i fighissimi senza portafoglio, gli gnocchi senza giovedì.

Photo Credit: LPR Piacenza, Daily Volley, Bonalorephotos

Tappo di Sughero

L’ambito premio che chiude la botte piccola mette in competizione quelli che a nostro avviso sono stati i tre “diversamente nani” migliori dell’anno. Diversamente, perché nella quotidianità surclassano in ogni caso i comuni mortali nella lotta allo scaffale più in alto; nani, perché legittimano con la bravura il loro posto in un mondo dei giganti.

Photo Credit: Daily Volley, Serena Campagnola

Wannabe Pedro Pascal

Questa categoria nasce come omaggio alla manzitudine conclamata e devastante del detective Javier Peña di Narcos. Ci è parso logico che anche i nostri eroi volessero esprimere il dovuto riconoscimento allo statuario attore cileno, copiandogli paro paro i proverbiali baffi sfoggiati durante la serie. Peccato che, a conti fatti, l’esperimento risulti più vicino a un Maurizio Costanzo d’annata. O, alla meglio, al commesso de “Il paradiso delle signore”.

Photo Credit: Powervolley Milano, BonaLore Images, Lube Volley

Capo Ultrà

Nick Hornby è uno a cui piace molto stilare classifiche (31 Songs); è anche uno che ama il calcio, amore che lo spinse, venticinque anni fa, a scrivere Fever Pitch, manifesto della sua passione viscerale per l’Arsenal che si intreccia, metaforicamente e psicologicamente, con la sua vita personale. Che c’entra? C’entra, perché ogni volta che categorizziamo, classifichiamo e analizziamo il fanatismo nei confronti della pallavolo c’è un po’ di Hornby in ognuno di noi. E ce n’è un po’ nei tre giocatori/trascinatori di folle più sanguigni della Superlega.

Photo Credit: Sir Safety Perugia, urosh_dom, Margherita Leone

La Sorellanza

Ravenna-Vibo, wannabe Santiago

Sabato sera siamo state per la prima volta ospiti al Pala De Andrè di Ravenna, che ci ha accolte nella semicupola per la sfida contro la Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia di Lorenzo Tubertini. A tal proposito ci teniamo a ringraziare Vincenzo Benini, Marco Bonitta e tutto lo staff della Bunge per la disponibilità, la cortesia e la splendida accoglienza riservataci.

Venendo alla cronaca, apprendiamo subito che Ravenna si trova in emergenza sulla diagonale di posto 4; assenti Marechal e Tiziano Mazzone, Fabio Soli opta per Raffaelli a far compagnia a Poglajen, l’inamovibile diagonale Orduna (anche lui con un problemino a un dito della mano sinistra)-Buchegger, la coppia di centrali DiamantiniVitelli e la mosca Goi libero. Vibo risponde con la formazione tipo: diagonale CoscionePatch, martelli AntonovLecat, in mezzo CostaVerhees e Marra a presidiare la seconda linea.

I calabresi partono con maggiore sprint e tengono testa ai padroni di casa per tutto il primo set, prima di subire la rimonta della Bunge grazie a un turno di battuta di Orduna che riporta il parziale sul punto a punto. Santi che, nella sua distribuzione, si dimentica Raffaelli, forse temendone l’impatto iniziale sulla partita, mentre Coscione al centro fa 100% con Deivid Costa ma non vede Verhees. Sul finale però Vibo tiene, portandosi a casa il set 25-23.

Nel secondo i romagnoli rovesciano la tovaglia e si prendono in mano il punteggio; è su una breve parità iniziale che sale in cattedra Santiago Orduna, forse indispettito dall’eccessiva tolleranza della direzione di gara sulla qualità dei palleggi di qualche fuori ruolo, diciamo così, un tantino avventato, come quello che Antonov sfodera nel mezzo di uno degli scambi più divertenti della partita, scambio condito da un salvataggio di piede di Santi e terminato ignobilmente con una disattenzione della retroguardia ravennate, che lascia cadere un innocuo pallone a metà campo.

Il regista italo argentino, in ogni caso, comincia a crear scompiglio e deliziar la platea a suon di variazioni e riequilibrando salomonicamente la distribuzione sugli esterni, tra i quali emerge Poglajen, che mette la definitiva freccia con un doppio ace sul finale. A nulla serve la contromisura di Tubertini (fuori Lecat per Massari), con l’ex Modena che si presenta sul palco con un attacco out e uno stampo subito a muro.

In tutto questo noi veniamo distratte un attimo dalla mascotte della Bunge che, a metà parziale, sfodera uno striscione – poi riproposto nella foto di gruppo post match – che recita “La Marziania non è reato”. Qualcuno ci illumini, siamo curiose.

Il terzo set sancisce l’asse individuale padrona di questa partita: il già lodato Santiago e Cristian Gabriel Poglajen, che dà concretezza all’attacco e dai nove metri battezza nuovamente la seconda linea di una Vibo sempre più spenta. Il parziale si agita un tantino su un discusso videocheck che attesta il tocco dell’asta da parte del muro Callipo e smentisce la sicurezza dell’occhio nudo umano, che avrebbe giurato sull’impatto precedente della palla. Si scaldano gli animi e ci ghiacciamo noi, che diamo le spalle alle porte spalancate del palazzetto e mai come in questo momento sognamo le proverbiali stufette di Curitiba.

Alla festa si aggiunge un Buchegger sempre bello e concreto, ma ci sentiamo in dovere di dargli un piccolo consiglio: se proprio proprio non vuole usare il gel (il che è un gran peccato, perché il suo compagno di squadra Gutierrez potrebbe suggerirgli 101 modi di scolpire i capelli) sarebbe utile invertire l’ordine dei suoi riti più o meno scaramantici, ovvero: prima pettinarsi, poi pulirsi la suola delle scarpe. Così evita il passaggio intermedio sulla maglia.

Che Vibo sia quasi uscita dal campo lo constatiamo sull’11-9 Ravenna, quarto set. Qui, di fatto, finisce la partita. Un primo break di 4 punti sul servizio di Poglajen, poi un sanguinoso parziale di 4-14 subito dalla Tonno Callipo che porta il bottino pieno alla Bunge e un po’ di gloria a Giacomo Raffaelli che, come uno Zaytsev qualsiasi in una semifinale olimpica, benedice a turno tutti i ricevitori calabresi e mette la ciliegina sulla torta di una prestazione più che dignitosa.

Capitolo MVP: al di là dell’ovvio (il premio è andato a Poglajen, oggettivamente determinante) confermiamo che a Santiago Orduna vogliamo molto bene. Il titolo di migliore in campo ci sarebbe stato anche per lui, per le sue splendide aperture in 1-2 e per la capacità tattica di cambiare in corsa una distribuzione iniziale troppo monocorde. A pelle – e a fatti – la Bunge pare un bel gruppo, capace di sopperire alle assenze e alla partenza diesel con un’ottima gestione corale. Rimandiamo invece la Tonno Callipo a prestazioni più pugnaci sul piano dell’agonismo, che abbiamo visto affievolirsi man mano, e dell’ordine in campo non sempre impeccabile.

La Sorellanza

Photo Credit: Margherita Leone

Il calendario della Sorellanza

Ogni volta le domande sono sempre le stesse: “Quando gioca la prossima partita Perugia?” “Quale partita danno in diretta domenica?” “La Lube ha una partita in meno? Però ha già giocato un anticipo, mi sembra“. Ed ogni volta, per avere delle risposte, ci tocca aprire il sito di ultima generazione della LegaVolley e metterci a scorrere per cercare le informazioni di cui abbiamo bisogno.

Abbiamo pensato tanto ad una soluzione alternativa. Per ora, con gli strumenti a nostra disposizione, la soluzione ottimale consiste in un Google Calendar.

Per sincronizzarlo sui vostri dispositivi basta pigiare su “+ Google Calendario” in basso a destra. Mentre per la sincronizzazione su iCalendar il link è questo: https://calendar.google.com/calendar/ical/k63iq631ag1vcs9c31e8artpe4%40group.calendar.google.com/public/basic.ics.

In questo calendario troverete tutte le partite di SuperLega UnipolSai, gli eventi con la (D) iniziale corrisponderanno alle partite scelte dalla Rai per la diretta e nella descrizione troverete canale e telecronisti. Purtroppo non abbiamo ancora il dono della preveggenza quindi questo calendario sarà allineato a quello che troverete sul sito della LegaVolley ma con la comodità di averlo già sincronizzato nell’agenda del vostro smartphone.

Ci rendiamo conto di quanto sia spammoso un calendario del genere sempre visibile sulle vostre applicazioni e per questo vi spieghiamo anche come annullare la visualizzazione. Una volta sincronizzato il calendario, potrete eliminare dall’agenda gli eventi del nostro calendario togliendo la spunta a “SuperLega – La Sorellanza Blog” nella lista dei vostri calendari.

Per qualsiasi problema o suggerimento non esitate a lasciarci un commento o qui sul blog o sui nostri social, vi risponderemo appena possibile.

La Sorellanza

Poteva essere Davide invece è stato Golia

Entro al PalaPanini quando è ancora vuoto, mi preparo per vedere una bella partita di Superlega quando all’improvviso fa il suo ingresso in campo l’Azimut Modena, ma soprattutto Max Holt, che con i suoi leggings bianchi mi fa sorgere il dubbio di non essere nel tempio del volley, ma al teatro Bol’šoj di Mosca. Mi guardo in giro in cerca di conferme o di smentite, fortunatamente scorgo Giani e Stoytchev parlare vicino alla panchina che ristabiliscono l’ordine delle cose.

Inizia la partita.

Modena schiera Bruno-Sabbi, Ngapeth-Van Garderen, Holt-Mazzone e Rossini. Milano risponde con Daldello-Nimir, Cebulj-Schott, Piano-Averill e Piccinelli. Fin dalle prime battute si capisce che il prescelto dei modenesi come bersaglio in ricezione sarà Schott, vita natural durante; effettivamente il tedesco patisce in questo fondamentale tanto da costringere Giani a sostituirlo verso la fine del set con Klinkenberg (che poi resterà in campo tutta la partita). L’altro notevole evento di giornata si sostanzia nell’inaugurazione della caccia alla volpe, con Sabbi nel ruolo della povera preda cecchinata da un servizio di Cebulj destinato a uscire. Il set si chiude 25-19 per i gialloblù, mai in particolare difficoltà, nonostante i timidi cenni di reazione da parte di Milano dalla seconda metà del parziale, soprattutto al servizio con il solito bombardiere Nimir a fare pentole e coperchi.

Il secondo set inizia con Klinkenberg che eredita suo malgrado il bersaglio di Schott sulla battuta di Modena, con però una sostanziale differenza di tenuta – in positivo – da parte del belga. Non ha la stessa sorte la ricezione di Modena, che invece crolla sotto i bombardamenti dai nove metri della Revivre e a farne le spese è Totò Rossini, che lascia il match per Tosi. Nonostante una bomba tirata sui quattro metri in parallela per mano di Ngapeth da posto 2 che fa tremare il palazzetto, i ragazzi di Stoytchev non riescono a ribaltare il set, che si chiude 25-21 a favore di Milano.

Il terzo parziale inizia con entrambe le parti di campo pervase da un caos primordiale, tanto che pare udire un unico coro dagli spalti: “Che confusione, sarà perché ti amo”, cantavano i Ricchi e Poveri. Al fine di nobilitare la tenzone, Bruno decide di voler alzare tutto in palleggio, anche le palle che viaggiano a trenta centimetri da terra: entra in scivolata e via, precisa in banda. Daldello invece viaggia sul filo del fallo di doppia da inizio partita e infatti iniziano ad arrivare le sanzioni da parte di Saltalippi. Nelle fila della Revivre dal primo set fa capolino in campo il rientrante Fanuli, così Sabbi, non essendo a conoscenza del recupero del libero milanese e essendo lui uno preciso, tenta di decapitare per compensazione il secondo Piccinelli, in modo tale da ristabilire l’equilibrio della conta infortunati in casa meneghina. Tra un delirio e l’altro il terzo set finisce nelle mani dei padroni di casa per 25-21. Da segnalare il doppio ace subito per mano di Nimir da Van Garderen che, dopo aver provato sul primo un improbabile bagher ad altezza caviglie, decide di fare un mezzo passo indietro sulla successiva battuta. Consigliamo di dotarlo di auricolare come Ambra ai tempi di Non è la Rai, e magari a fine partita piazzarlo su uno sgabello a riproporre il celeberrimo “Cosa ho nello zainetto?” sfidando gli abbonati del Palapanini.

Il quarto parziale è quello più lottato, con gli ospiti che se lo aggiudicano ai vantaggi 28-26. Molti gli errori in battuta da entrambe le parti e memorabili momenti di posizionamento bizzarro in campo, tanto che a un certo punto Bruno si ritrova ad attaccare in posto 4. Il set va in archivio con un errore di Sabbi in attacco, ma a sua discolpa c’è da dire che la sbagherata in secondo tocco di Tosi, più che per lui, era destinata a uno spettatore dei centralissimi, precisamente posto 52.

Inizio ad avere fame, tanta, ma la curiosità di vedere come finirà il match vince su tutto. L’inizio del tie-break non è dei migliori, sembra quasi che le due squadre si siano accordate su “la perde chi per primo tira una battuta in campo”. Nel momento in cui si comincia a fare sul serio, all’improvviso, nel tentativo di recuperare una palla piomba un Sabbi sul mio tavolo di tribuna stampa e, vuoi per la fame, vuoi per avergli visto il lato b mentre si sistemava la maglia nei pantaloncini un paio di set prima, nella mia testa c’è solo l’immagine di lui come Samantha in Sex And The City, steso sul tavolo e ricoperto solo di sushi, e non capisco più nulla. Mi desta da questo torpore il sonoro muro di Holt, che chiude la partita a favore dei padroni di casa per 15-11.

Mvp Earvin Ngapeth, ma devo confessarvi che in realtà avevo votato il coro per Cebulj dei tifosi milanesi sulle note di Ufo Robot. Geniali.

Simona Bernardini per la Sorellanza