Archivi tag: Azimut Modena Volley

Modena Capitale, Perugia Bene o Male, anche.

Non vi voglio ammorbare con numeri e statistiche. Non ha senso per questo tipo di partita. Potrebbero collocarmi faziosamente da una parte come dall’altra, sia nel caso in cui dicessi che Perugia non vince contro Modena da ben 14 partite (contando anche l’amichevole del torneo di Gubbio, che per i Sirmaniaci, credetemi, CONTA), sia se facessi notare che tanto a questo punto dei giochi a Perugia non importa, guarda tutti dall’alto di un primo posto assicurato in Regular Season.
A discapito della mera statistica, conta tutto per chi è in campo e sugli spalti.

Modena viene da uno di quei periodi neri come la pece, in cui una sola catastrofe è l’inizio di un domino alla cui fine c’è Fabio Donadio che si toglie la giacca di Team Manager per rimettersi la divisa del libero. La Modena che il 17 dicembre 2017 aveva sconfitto Perugia tra le file del PalaEvangelisti era carica e diversa, al netto delle catastrofi e degli infortuni.
Per Perugia, invece, quant’è bella questa giovinezza di prospettive. E non è nemmeno vero che del doman non c’è certezza, perchè con due trofei stagionali nella bacheca di Gino Sirci, che non avrà vinto quanto Osmany Juantorena ma ce ne faremo tutti una ragione, forse non la certezza, ma il profumo di un triplete nell’aria si potrebbe cominciare a sentire

Eppure con Modena non riescono a spezzare la maledizione, e anche se per il momento la matematica è dalla loro parte, ci sarà un giorno in cui la matematica lascerà spazio al destino, grato o infame che dir si voglia. Ci sarà un momento in cui il lavoro sporco andrà fatto dalla parte di campo perugina, che nel particolare caso delle scorsa domenica non è riuscita ad approfittare del calo modenese nel secondo e quarto set. Portati al tie break per ballare tutti una splendida “paranza della battuta sbagliata”, e poi subire tantissimo da parte di Holt e Urnaut, MVP di grande merito. Anche i 30 punti di Atanasijević, l’opposto che vorrei se fossi ancora una palleggiatrice e l’opposto che Luciano De Cecco si merita, non sono riusciti a finalizzare il risultato. E nemmeno la spettacolarità di Max Colaci in difesa, Max che ha un viso diverso da quando gioca a Perugia, con la voglia di battere a tappeto quel campo che sprizza da ogni poro. Poco male Zaytsev e Russell, mai decisivi ma neanche indifferenti.
Dalla parte gialloblu un ottimo Bruno in distribuzione e difesa, granitici a muro i centrali Holt e Bossi, di cattiveria il giovane Argenta in posto 2 e un eccezionale Tine Urnaut, costante durante tutto il match. Ngapeth pervenuto come RDS nel Basso Polesine, a tratti.

Non sappiamo, a questo punto quando sarà il momento decisivo fra le due squadre, perchè nel gioco dei playoff o vinci o muori, sappiamo solo che quando arriveremo quel momento e se quel momento sarà una finale la soluzione per Perugia è solo una, per Modena invece 15, 16 o 17.

La Sorellanza

Photo Credits: Modena Volley

Otto partite per sette fratelli – Il Musical

Poi dicono che ad uno passa la voglia… si, certo. Che lo vadano a dire ai 5000 di ieri al PalaPanini se gli era passata la voglia. O a tutti quelli che hanno seguito la diretta su Rai Sport 1. A chi si è tenuto libero appositamente per la sfida tra Azimut Modena e Cucine Lube Civitanova. Dicono che ad uno passa la voglia dopo sette partite, dopo una serie che si trascina dai playoff scudetto della scorsa stagione. La voglia non passa, credetemi. Non passa soprattutto a Modena.

È tutto pieno, colmo, mi piace definirlo strabordante il PalaPanini in queste particolari occasioni. Certo, la risposta del pubblico c’è sempre, ma per i big match è particolare. Assordante già dal riscaldamento delle squadre: quando cominciano ad arrivare i tifosi biancorossi e a prepararsi per la battaglia sugli spalti, quando dall’altra parte apportano le ultime modifiche alla coreografia prima di iniziare.

Poi dicono che dopo sette incontri le formazioni le conosciamo. Quella della Lube meglio, non è cambiata molto rispetto alla scorsa annata. Diagonale Christenson-Sokolov, posti 4 Juantorena-Sander (una delle poche novità), al centro Cester-Candellaro, libero Grebennikov. Allenatore Giampaolo Medei (l’altra novità). Quella di Modena è cambiata invece, non per fama. Diagonale Bruno-Sabbi, posti 4 Ngapeth-Urnaut, al centro Holt-Bossi, libero Rossini. Allenatore Radostin Stoytchev (“e vaffanculo!”, il francesismo è richiesto da lui, non me ne vogliate).

Comincia forte il primo set: equilibrato fin dai primi punti, ma dove subito si percepisce la voglia di lottare su ogni palla, perché alla fine le formazioni in campo sono quelle che sono, non di certo lí per divertirsi. Un appoggio in bagher all’indietro di Bruno per Sabbi che schianta il pallone in mezzo al muro, un aquilone di Sokolov su un gioiellino di Christenson (se la sottoscritta fosse stata al posto dell’hawaiano lo avrebbe preso per il collo e buttato nel brodo, come si suol fare con i polli in autunno) e qualche salvataggio in difesa degno di nota mi fanno pensare che non soddisferò in fretta la mia fame. E l’hanno pensato tutti, non solo io. Il set si chiude di poco scarto, 25-21, a favore dei padroni di casa che hanno fatto la differenza al servizio mettendo a segno ben 4 ace a discapito dei marchigiani. Sulle percentuali di ricezione lascio la parola al secondo set, per il quale servirebbe una pagina PDM appositamente dedicata.

Nonostante non abbia visto il palleggiatore statunitense della Lube nella sue migliori condizioni in fatto di distribuzione, la percentuale in attacco dei marchigiani sale. Anche se mi ricredo un attimo su un appoggio velocissimo per Cester che porta le squadre sul 10 pari. Per chi non l’avesse visto poi, per la serie “wow che spettacolo e non riesco a dire nient’altro” vi segnalo da rivedere il punto dell’11 pari ad opera dei modenesi. Bello, ma bello bello (semicit.). Fa la differenza il servizio anche questa volta, con due ace ad opera di Sokolov e Sander. E fa la differenza Juantorena, che si prende sulle spalle il set. Vi avevo promesso delle PDM: 0% in ricezione di Grebennikov e 7% in ricezione perfetta di Ngapeth. Mi sarebbe piaciuto andare a giocare lo 0 di Grebennikov al Superenalotto se fosse stato possibile, ma tant’è.

Se il terzo set ha fatto arrabbiare Stoytchev, non avete idea di quanto abbia fatto arrabbiare me. Perché, suvvia, era un punto a punto continuo. Un equilibrio devastante. Il doppio muro di Maxwell Holt sul 14 pari. Insomma, eravamo lì. È che “el hombre” ha deciso di prendersi la responsabilità, nonostante l’arbitro abbia messo in dubbio per qualche secondo la sua investitura di capitano. Scuse accettate, si va avanti. È una pipe devastante di Sander a portare la Lube sul set point. Che poteva essere match point, in tranquillità. Perché poi, nonostante il vantaggio del quarto set, per i padroni di casa non ce n’era più. “Non abbandonarmi la partita” ha detto Stoytchev in faccia a Ngapeth, ma dopo quattro murate era tardi.

WhatsApp Image 2017-11-06 at 13.01.49
Credits: Modena Volley Official Page

Potrebbe quindi rimanerci impressa la bellezza del PalaPanini, Stoytchev che scuote Bruno dopo un meraviglioso primo tempo, la prima esultanza di Tine Urnaut sotto la Curva Ghirlandina. E invece, l’unica cosa che ci rimane impressa è il dominio della Lube nel finale di quarto set. Sono stati bravissimi anche stavolta, anche stavolta che non era più facile delle altre, anche stavolta che dovevano rialzarsi dopo una brutta sconfitta sul campo di Latina.

Poi dicono che ad uno passa la voglia. Io ho già voglia di vedere come andrà la nona.